• Stefano Tomassetti

INDIA PARTE 2 - COME LA INCONTRAI

Come già in parte ho brevemente accennato nel racconto INDIA PARTE 1 – L’ARRIVO, la prima vorta che sò annato in India è stata in occasione d’un viaggio fotografico-solidale de gruppo, organizzato da n’amico mio fotografo che ne aveva già fatti altri in precedenza, in Kenya e Tanzania, ai quali ho partecipato nell’agosto 2010 e poi ancora nel 2012 e 2013.

Sullo stesso schema dei precedenti viaggi in Africa, volti anche a sostenè realtà locali co la raccolta de fondi da destinà a degli orfanotrofi che l’amico conosceva, nel marzo der 2013 organizzò quello in India in concomitanza dell’Holi Festival, uno degli eventi più rinomati ar monno, quello che tutti conoscono come er festival dìì colori, infatti durante er periodo dell’Holi in tutta l’India è usanza festeggiallo co lanci de porveri colorate che in ogni città creano n’atmosfera sureale, in cui tutti se riversano pè strada e nìì templi a ritmo de tamburi e canti, colorati dalla testa ai piedi, verde, giallo, fucsia, rosso, 'na mescola de colori, tra i capelli, nell’occhi, in mezzo a’e mutanne, 'n delirio.


Era ancora er 2013, anno in cui lavoravo come geometra in uno studio d’architettura (che poi sarebbe stato l’urtimo ma ancora non lo sapevo), c’avevo ‘na vita “normale”, pè quello che semo abituati a conosce pè “normale”, c’avevo un lavoro, ‘na casa in affitto, i miei interessi, i miei ritmi, la fotografia c’era ma era ancora allo stato embrionale, me cimentavo come potevo e quanno potevo, e pure i viaggi, c’erano come ce sò sempre stati ma nella modalità con cui ce se dedica durante i giorni liberi dal lavoro e nei periodi estivi, sempre pè via de quella “normalità” in cui viviamo.

Ner novembre 2013 intrapresi er primo viaggio in solitaria, poi casomai un giorno lo racconto, e scelsi d’annammene in giro pè tutto er sud-est asiatico, l’esperienza che ha cambiato nettamente er percorso d’aa vita mia, er punto de non ritorno, e lo scelsi perché come prima esperienza de un viaggio in solitaria è decisamente ‘a meta ideale pè mettese alla prova, mentre l’India, col tutto che m’ero ripromesso de tornacce, a mio avviso me pareva ‘na destinazione troppo audace pè chi inizia a viaggià da solo, onestamente nun m’aa sentivo e sò tuttora convinto che sia così, anche se, bada bene, quarsiasi partenza in solitaria pè qualunque destinazione v’assicuro nun è ‘na situazione così facile da approccià, pure se già n’hai fatti arti de viaggi in solitaria è sempre come se fosse ‘a prima vorta, forse l’unica differenza è che per lo meno un minimo che un minimo riesci a gestì lo stato emozionale, ma giusto questo.


Quando invece poi ner 2015 decisi de ripartì n’artra vorta, stavorta facendo un passo ancora più lungo d’aa gamba rispetto alla partenza del primo viaggio in solitaria, visto che presi un volo de sola annata (vedi il racconto sugli Eagle Hunters), bhe qui c’avevo proprio in mente l’India come meta principale, ce volevo stà pè tanto tempo, giralla quanto più possibile, me volevo lancià in totale avventura in quer posto così affascinante, complesso, difficile pè certi versi, che un po’ incute pure ‘na sorta de paura, de timore, è uno de quìì posti che veramente o li odi o li ami, nun è ‘na frase fatta sentita e risentita senza nessun fondamento, tutti quelli che ce sò stati lo ponno confermà.


Fin dar primo viaggio, uno dìì desideri, una dè quèè voje da soddisfà, uno dìì tanti modi de viaggià, ma più che artro una delle cose che ho sempre sognato de fà in vita mia quanno pensavo a quer determinato stile de viaggià, era de compramme ‘na moto e girà autonomamente pèi posti, potemme fermà ovunque a mio piacimento e in qualunque momento ne avessi avuto voja, e soprattutto potè vive sulla pelle mia quella sensazione d’avventura e estrema libertà che solo in moto se pò provà.

In Vietnam andai alla ricerca de ‘na moto pè scenne la costa da Hue a Ho Chi Min, circa un migliaio de chilometri su ‘na strada che costeggia tutta la costa passando pè vari villaggi lungo er mare, alcune parti in mezzo ar verde, un saliscendi veramente divertente.


VIETNAM - MENTRE PAGO LA MOTO APPENA COMPRATA E COI MECCANICI ALLA PRIMA RIPARAZIONE

La ricerca stessa della moto poi è ‘na parte strafica dell’esperienza, nun è come annà alla stazione dìì bus pè comprà er bijetto pè la destinazione dopo, c’è dietro tutta quella serie d’espedienti e de circostanze da vive che fanno il vero divertimento e il viaggio.



Come spiego sempre nel racconto INDIA PARTE 1, in India c’arivai i primi giorni de gennaio der 2016, dopo già tre mesi e mezzo de viaggio, co ‘n volo da Bangkok pè Chennai, che sta nello stato der Tamil Nadu, a sud-est. Er primo mese/mese e mezzo viaggiai in autobus e in treno, spostandomi sempre più a sud e risalendo poi verso nord dalla costa ovest, dal Kerala fino ‘arivà nel Karnataka, prima a Mysore e poi a Hampi.

‘Na vorta arivato a Hampi me trovavo ormai vicino allo stato de Goa, dove sapevo che in una delle tante località sur mare, in quella zona colonizzata da europei ormai già dall’anni settanta, dove molti viaggiatori tuttora se fermano pè trascorre quarche mese durante la bella stagione, dove alcuni hanno messo pure radici tirando su attività d’ogni tipo, dal bar alla scuola de yoga, insomma in una de quelle località, a Arambol, avrei sicuramente trovato l’opportunità de comprà ‘na moto.

A Arambol ce sta er mare, l’ambiente è rilassato, ce stanno feste in spiaggia, eventi vari, è n’oasi pèi backpackers (bechpechers - i viaggiatori zaino in spalla), se pò svernà durante l’inverno europeo, se pò venne la qualunque ai tanti mercati artigianali delle zone limitrofe, a Arambol in effetti ognuno pò trovò er proprio equilibrio in base ai propri interessi e a quello che sta cercà … io personalmente cercavo solo Lei.


‘Na vorta presa ‘na stanza in una de quèè tante case colorate a tinte pastello tipiche dell’India che le famije locali s’affittano, me dirigo all’incrocio tra la via principale der villaggio e la strada che collega tutte le località della costa, dove c’è la fermata dell’autobus, vari negozi, un po’ de ristorantini e pure due tre officine a cielo aperto de meccanici che riparano e venneno Royal Enfield.

La Royal Enfield è un po’ come l’Harley Davidson, quando se pensa a un viaggio On the Road negli Stati Uniti, alla famosa Coast To Coast della Route 66, nell’immaginario collettivo c’è solo ‘na moto e solo un nome, Harley Davidson. Bhe, la stessa cosa vale pè l’India, non esiste un viaggio in moto On the Road che non sia su ‘na Royal Enfield.

La Royal Enfield è ‘na moto dell’omonima casa motociclistica fondata in Inghilterra alla fine dell’ottocento, e nell’anni cinquanta der novecento er governo Indiano importò alcune moto pè dalle in uso alla polizia, precisamente la Bullet 350. La Royal Enfield s’associò in seguito alla fabbrica de motociclette Indiana “Madras Motors” de Chennai e stabilì in India la produzione de quer modello, diventando poi sempre più diffuso in tutta l’India insieme anche alla Bullet 500.


A me poco importava che fosse ‘na 350 o ‘na 500, er sogno mio era quello d’aveccene una.


Vado da uno dei primi meccanici che vedo, ‘na baracca in lamiera mezza sotto ‘n arbero mezza sotto ar sole e ‘no spazio sterrato co Royal Enfield in riparazione ovunque, alcune delle quali in vendita. Chiedo al meccanico se c’ha quarche moto da propomme e me ne fa vedè ‘n paio, descrivendome i chilometri, dove c’hanno er pedale delle marce e der freno perché variano de posizione in base all’anno de fabbricazione, e pè ogni moto il relativo prezzo. A prima vista me piaceno tutte, capirai ‘n vedevo l’ora, fremevo pè quanta voja c’avevo de prendene subito una, però io me conosco, vado sui dettagli, le moto le guardi come ‘na donna, sì c’hanno tutte dù rote, er manubrio, ‘a sella, ‘a marmitta, però ognuna è diversa dall’altra, c’hanno tutte la loro personalità e il loro fascino, chi c’ha avuto o c’ha ‘na moto me capisce.

Ne provo una, quella che più m’enteressava, però alla fine niente da fa, er prezzo era troppo alto pè quello che avevo previsto de spenne e la moto nun m’aveva convinto del tutto. Faccio un salto dall’altro meccanico più conosciuto de Arambol, anche qui stessa storia, diverse moto in vendita co diverse caratteristiche e vari prezzi, ma niente, non scatta la chimica.

Decido così de prende a noleggio ‘no scooter p’anna a vedè se sè poteva trovà quarcosa nei vari villaggetti lungo costa, magari lì trovo quarche artro meccanico e chiedo in giro ai vari viaggiatori residenti se sanno de quarc’uno che rivende la sua de moto, perché molti la comprano lì a Arambol e dintorni pè girà ‘na parte dell’India e poi fanno ritorno sempre in quelle zone pè rivennesela prima de ripartì, c’è ‘n giro de Royal Enfield che passa de mano in mano da viaggiatore in viaggiatore ormai da anni, addirittura c’è pure chi la lascia lì in custodia da quarche famija pè ritornà l’anno dopo.


Durante i primi giorni de permanenza non trovo niente d’enteressante, nessuna moto che faccia ar caso mio, sò quasi avvilito, sò già passati tre giorni da quanno sò arivato e ancora n’ho trovato la moto mia, ho chiesto a tutti i meccanici, me sò spostato pure de diversi chilometri p’annalla a cercà, ho già viaggiato in treno svariate vorte, in autobus nun te dico, io la moto me la sogno pè davero. Poi d’improvviso proprio come nìì firme ariva Lei, quanno meno te l’aspetti, colpo de furmine, boom!!! Mentre faccio la strada de collegamento tra i vari villaggi, in mezzo ar poco traffico fatto soprattutto de motorini e carettini vari, m’accorgo che dall’artra parte della strada, sulla corsia in direzione opposta alla mia, sta venì un ragazzo in sella a ‘na Royal Enfiled, ar volo faccio pè spizzammela e quanno sur bauletto vedo che c’ha attaccato un cartello co scritto “For Sale” (for seil - in vendita), faccio giusto in tempo a realizzà che “ohhh porca puttana ohhhh, è Lei!! È Lei!!” … appena posso faccio inversione a U e lo rincoro pè fermallo.

Apro e chiudo parentesi n’attimo poi ritorno sùr pezzo: dovete sapè ‘na cosa, in tutto er monno un Italiano nù lo riconosci solo da come se veste, perché tutti ‘o sapemo quello che pensamo de noi stessi Italiani quanno stamo all'estero, non de tutti ma de parecchi si, embhè un Italiano se stai attento lo riconosci pure da come porta er motorino, perché il Russo e buona parte dei viaggiatori nord-europei, quelli dìì paesi freddi pè capisse, li riconosci dalle abrasioni che c’hanno sulle cosce o sulle braccia dopo che se sò scartavetrati pèr tera in curva sur brecciolino, sì perché er motorino pè loro è un oggetto sconosciuto, non lo domano, ‘n sò capaci, aho basta che guardate er MotoGP, che c’è mai quarche pilota Russo, Danese, Svedese? ‘n ce stanno!! Questi arivano da casa loro a -30° in un posto a +35° all’ombra, s’enfilano le ciavatte, la canotta, pijano er motorino e vanno, alla prima curva BOOM!! lungo!! s’accenneno come i prosperi, pijano foco, anche perché se so fatti già dodici ore sotto ar sole senza crema e tutta l’energia che hanno accumulato se sprigiona co n’attimo quanno toccano tera, tocca chiamà i pompieri pè spegneli no l’ambulanza. Invece noi Italiani, fermate!! Tu sei campione der monno già pè esse Italiano, in più se sei uno che vive in una città trafficata come Roma o Napoli, non ce n’è pè nessuno, er brecciolino nessuno sa che è, tu si però, er traffico lo vedi in anticipo come Tom Cruise in Minority Report, prevedi tutto, er carettino che se sposterà de tre metri a destra perché j’è cascato er melone, l’autobus che svirgola perché er peso interno ha superato er carico assiale per cui l’aerodinamicità è pregiudicata in fase d’avvallamento, tu Italiano, tu Romano che fai Montesacro – Eur in 20 minuti netti, stai troppo avanti quanno prendi er motorino all’estero, e tutti l’artri muti!!


Quindi dalla modalità passeggiatore inserisco il settaggio “Roma ora de punta”, l’inversione a U è ‘na manovra paragonabile alle fasi d’atteraggio d’oo Space Shuttle, dev’esse tutto carcolato, te devi buttà avendo già previsto dove tutti i soggetti coinvolti andranno a finì nella prossima fase spazio-temporale in cui t’andrai a mòve, è roba da sballo; appena sto sulla corsia opposta punto l’obbiettivo, in velocità supero e schivo i primi veicoli che trovo davanti, la strada è costeggiata da palme su entrambi i lati e sta scena me riporta paro paro a quanno da ragazzino giocavo ar giochetto Out Run, ahh gli scherzi della mente...

poi dopo quarche centinaio de metri riesco ‘affiancallo, je faccio cenno d’accostà e se anche ai primi sguardi ‘n capiva bene che volessi poi se ferma a bordo strada. Metto sùr cavalletto lo scooter, faccio quarche passo verso de lui parcheggiato un po’ più avanti de me, madonna sò emozionato, solo a intravedella da dietro ho capito che era Lei!!!! Bellaaa, tutta nera, con ‘n bauletto in alluminio e ‘n piccolo parabrezza, dù cose che nessuna Royal Enfield in circolazione c’ha, e già questo la contraddistingueva, ma poi c’è quer quarcosa che ‘n se pò descrive, è roba de sensazioni, qu’aa roba che te porta a dì che era proprio così che la volevi, che la desideravi, se stavamo aspettà, se stavamo a cercà.


Lui è un ragazzo Russo, molto diverso da quelli descritti prima, c'è sempre l'eccezione, se chiama Tim, s’assomigliamo pure, c’ha la barba rossa e folta come la mia, è da poco tornato a Arambol dopo un lungo viaggio d’otto mesi insieme a artri due amici pè fa un documentario tra India e Nepal, le moto l’hanno comprate usate in un concessionario a Nuova Delhi, stanno a girà le ultime scene finali der documentario da quelle parti, dopo de che dovranno ripartì. Er prezzo che me fa è leggermente più alto der budget mio ma in questo caso nun me interessa proprio, davanti a me c’ho la compagna che volevo pè l’avventura mia, quindi decidemo de tornà a Arambol e rimanemo d’accordo sùr fatto che l’avrei presa dopo quarche giorno finite le riprese, intanto io cercavo de ritirà ar bancomat quanto potevo per pagallo in parte con Rupie in contanti e in parte gli avrei fatto un bonifico.

Finarmente quello che avevo sognato a occhi aperti e immaginato tante vorte stavo pè inizià a vivelo pè davero, è ‘na sensazione strana e sureale quanno certe cose che hai voluto così tanto, magari venute in mente in una giornata qualunque, in fila alle poste, in mezzo al traffico, o sul divano, in quella vita “ordinaria”, sembrano esse inarrivabili e al limite del possibile; poi magicamente ‘n giorno invece la stai pè vive quàà cosa, allora quanno s’è avverata, che la tocchi, che sta lì ‘ndò stai te, torni n’attimo indietro a quel momento in cui l’hai anche solo pensata e t’accorgi però che quer tempo per assurdo è come se ‘n fosse mai passato, eppure oh in mezzo ne so successe de storie eh, ma er fatto è uno, che te mo stai lì co Lei no, e in finale de tutto quello che c’è stato fino a quer momento n’è che t’emporta più de tanto, cioè sì è tutto collegato e ripercorri la strada e le scelte che hai fatto e che t’anno portato fino a lì, ma risponni a sta domanna “ma mo, t’aregge!?”, e la risposta è “avoja sì m’aregge!!”.


QUESTA E' "LEI", LA SERA STESSA DELL'INCONTRO, PARCHEGGIATA SULLA VIA DEI LOCALI DI ARAMBOL, QUANDO ANCORA ERA DI TIM. DI LI' A QUALCHE GIORNO SAREMMO PARTITI INSIEME...MA QUESTA E' UN'ALTRA STORIA.


0 visualizzazioni

​© 2020 by Stefano Tomassetti

All images are covered by copyright and may not be downloaded or reproduced in any manner without permission of the author.

Tutte le immagini sono coperte da copyright e non possono essere scaricate o riprodotte in alcun modo senza il permesso dell'autore.

  • Facebook Clean