• Stefano Tomassetti

INDIA PARTE 1 - L'ARRIVO

“Perché tutti ‘o sanno quello che m’è successo in India, tutti, pure i sassi!!”

“Ma famme capì, che t’è successo in India?...che noi ‘nsapemo manco ‘ndò sta!”


“Allora, in India ce stanno 29 stati, va bene!!?, signori dico “29”, io so arivato co un volo da Bangkok a Chennai, nello stato del Tamil Nadu, nella parte sud-est dell’India. Dice “ma perché proprio a Chennai?”, mo t’oo spiego. Perché quanno se viaggia in solitaria, pè tanto tempo, co pochi sordi, n’è che piji e vai dapertutto così, cioè, sì vai dapertutto così come viene però quanno te devi spostà lo fai nel modo più economico possibile, quindi siccome dalla Thailandia me ne volevo annà in India, già quanno stavo in Cambogia ‘ndò ho preso il visto me so messo a vedè i voli. Mo, i voli da Bangkok all’India, quelli low-cost (loucost), a basso costo, li fa ‘na certa compagnìa che se chiama AirAsia, che in inglese se dice Eirescia, e le destinazioni so solo due, o Calcutta, sì come er cantante Indie (Indi in inlgese) de Latina, quello d’aa tachipirina tanto pè capisse, che sta a nord-est nello stato del West Bengal (Uest Bengal), o appunto Chennai; quello che comanda è sempre er prezzo più basso pè spostasse, te faccio n’esepio: se c’è un autobus che pè 5$ e 12 ore notturne te porta ‘ndo devi annà e ce sta pure n’artro autobus che co 10$ te ce porta uguale e ce mette 8 ore, stai sicuro che prenderai quello da 5$, perché co l’artri 5$ quanno che arivi ce piji da dormì, st’haccapì come funziona?!”


Tornando ar volo da Bangkok, quello pè Chennai era più economico e quindi alla fine er viaggio in India è cominciato da sud. ‘Na vorta che arivi a destinazione er viaggio ovviamente nun è mai come te l’eri immaginato, ma va bene così, è proprio questo er bello der viaggio fatto senza bijetto de ritorno, senza n’itinerario bello che pronto, giusto ‘na vaga idea, ‘na vaga voja d’annà in quer certo posto pè vedè questo, quello o quell’artro, ma poi quello che te succede ner mentre, come diceva Battisti “o scoprirai solo vivennooooooo.”

Insomma, arivo a Chennai la prima settimana de gennaio der 2016, dopo già belli tre mesi e mezzo de sto grande viaggio, iniziato da San Pietroburgo precisamente er 15 de settembre der 2015, ma poi n’artra vorta ve racconterò come’è annata.

In India ce volevo annà da solo già da ‘nber po’ de tempo, c’ero stato a marzo der 2013 co un viaggio fotografico de gruppo organizzato da n’amico mio in occasione dell’Holi Festival, ma m’è sempre rimasta la voja de ritornacce pè conto mio. E’ uno de quii posti che nun è pè gnente facile stacce, ner senso che è un posto tosto, dar punto de vista igienico po’ spaventà parecchia gente, dar punto de vista pure de come vivono però nun scherza, carcola che so un mijardo de persone, ‘na cifra, ‘na specie de formicaio, insomma quello che vojo dì è che l’India come ho sempre detto è “un monno ner monno”, cioè ‘n ce sta n’artro paese come l’India, si er Bangladesh ce se po’ avvicinà n’attimo, visto che sta lì attaccato, magari pure er Pakistan (che però n’ho mai visto), lo stesso Myanmar (‘a Birmania) pè certi versi, più la parte nord, visto che tempo fa faceva parte dell’India, ma in definitiva quello che trovi in India lo trovi solo lì, un modo simile de vive ovunque ma tuttavia diverso in ogni stato, i famosi 29, co dei riti e delle usanze che se ritrovano solo lì, un modo proprio de vive che sta solo lì, de rapportasse tra de loro, ‘na marea de colori, de odori, de profumi, de cose che pè noi nun stanno né in cielo ne in terra, parlo dell’Hinduismo, de come approcciano a sta religione co tutti sti templi, ste divinità; c’ha un fascino particolare l’India, che però fa st’effetto, o t’ennamori de tutto sto bordello, oppure scappi e nun ce voi tornà più. C’è da dì che questo vale molto soprattutto da come la viaggi però, perché se vai negli Hotel a tre stelle, coi confort e le comodità occidentali, co la cucina sì indiana ma fatta in albergo o nei ristoranti pè così dì de un certo livello, pure se nun costeno tanto, se te sposti co la macchina a noleggio o cor furgone privato, se vai cor treno e te prendi la cuccetta privata, bhè forse nun la pòi assaporà der tutto st’India, te rimarrà sempre quarcosa de incompleto che pè forza de cose te lascia un vòto.


L’India va vissuta, va toccata, va sniffata, te devi sporcà le mano e i piedi, te devi lascià trasportà dalla gente, te ce devi perde dentro, devi fa quello che fanno loro, ma questo vale poi però pè tutti i posti, pè capilli un minimo nun ce poi sta distante, che li guardi in vitrio?, te ce devi tuffà, devi nuotà co loro.

In aereo all’arrivo, nelle fasi de recupero bagaglio, conosco ‘na ragazza de Bengalore, nello stato der Karnataka, che confina cor Tamil Nadu, che pure lei veniva da Bangkok e faceva scalo a Chennai pè prende poi l’aereo pè casa sua dopo quarche ora. C’è da dì che quanno arivi in India, ancora più che in artre destinazioni, comunque l’impatto nun è facile, pè le cose che dicevo prima, te ce vòle un po’ de tempo p’ambientatte, ce devi pijà la mano, quindi lei s’offre de damme d’aiutamme p’annà a prende l’autobus che c’avrebbe portato in centro e da lì avrei visto poi da solo ‘ndannà a sbatte. Semo arivati a Chennai la mattina presto, dato che da Bangkok semo partiti prima dell’alba, quindi dopo avè preso l’autobus da fòri l’aeroporto ‘na vorta arivati in centro la prima cosa che famo è annà a fa colazione. E mica ce stanno i Bare, see, da mo che me so scordato cappuccino e cornetto, dar primo giorno che metti piede fòri dall’Italia ste cose te le devi scordà, una delle cose più difficili pè n’Italiano, lassamo perde.

A ogni angolo delle strade de ogni palazzo, via, piazza, de ogni villaggio o città dell’intera India ce sta sempre quarcuno o più de quarcuno che cucina quarcosa, è ‘na certezza. Sta ragazza m’accompagna a un carettino che raduna come al solito un gruppetto de gente, tassinari, negozianti, ambulanti, tutti quelli che devono fa colazione ce se fionnano. E così famo noi. Io non so minimamente che stanno a magnà, vedo solo cose fritte al momento, ‘na specie de pastella co dentro pezzettini de pomodoro e nun riconosco altro, accompagnata da manciate de riso, c’è solo quello, e l’immancabile Chai, er the indiano, fatto con varie spezie e il latte, servito bollente in un bicchierino de vetro come quello che se usa ar bare da noi. Quindi la ragazza ordina due piattini co ste du porzioni de cose fritte e du Chai, paga lei anche per me pure per il fatto che ancora non ho potuto cambià i sordi Thailandesi che m’erano rimasti, e te dico quasi vado a rota de sta robba. Apro e chiudo parentesi: dal vocabolario “andare a rota” significa non averne mai abbastanza, che nun te fermi più de magnà in questo caso, ce potresti morì, e in India m’è capitato più vorte, pure cor Chai, so diventato dipendente de Chai per tutta la permanenza in India.

Dopo avè fatto colazione sta ragazza m’accompagna a capì ‘ndò posso ritirà dei sordi cor bancomat e me porta dentro ‘na specie de centro commerciale, un edificio tipo la Rinascente, dove a ogni piano c’è il reparto donna, poi bambino, uomo e casalinghi, esattamente così, e all’urtimo piano c’era pure uno sportello bancomat. Ritiro un po’ de sordi e riscennemo, e qui se salutamo, lei ritorna verso l’aeroporto e io prendo er Tuk-Tuk, er taxi, l’apetto, si proprio er Piaggio a tre rote che conoscemo noi, paro paro, però pieno de colori no solo verde bottiglia, e vado in cerca de ‘na Guest House o n’ostello a basso prezzo. De solito se nun vedo niente prima né su internet né su una guida, a meno che nun ce l’ho appresso però, parlo direttamente co quelli dei Tuk-Tuk che c’hanno sempre più d’un posto, ovvio, chiunque tra i Tuk-Tuk c’ha i contatti co le strutture che ospitano, che siano alberghi d’alto livello o meglio ancora le home-stay (omstei in inglese), le case delle famiglie che affittano la/le stanze, o ostelli a basso costo, quindi il tipo me porta in una zona de Chennai dove dice che c’è un ostello a buon prezzo. Al desk dell’ostello il ragazzetto me dice i prezzi, e sinceramente so più arti de quelli che m’aspettavo, in India sapevo che tutto costava meno del sud-est asiatico, mò com’è che qui costano de più? Il ragazzetto mi dice che lì a Chennai non avrei trovato a meno, stamo a parlà de circa 10-12$ a posto letto, e nun va bene, in Thailandia o Cambogia stai sui 5-6$, 7$ tiè, solo in Birmania nel primo viaggio del 2013 avevo speso pè dormì 10$, ma mai c’arivi a sta cifra. Allora mò che faccio? Il ragazzetto mi aveva dato la possibilità di vedere la guida dell’India del sud tra i libri della piccola libreria che solitamente si trova in ogni ostello, guide e libri di tutte le lingue e generi lasciate dai vari backpackers (becpechers in inglese, i viaggiatori zaino in spalla) perchè probabilmente finito il viaggio si liberano del peso eccessivo o semplicemente cambiando stato non ne hanno più bisogno. Aprendo la parte della guida relativa a Chennai in effetti tutte le strutture prevedono prezzi intorno a quella cifra, e vedo che poco distante, in un villaggio chiamato Mahamallipuram, Mamallipuram, Mahamalipura, oh te giusro n’ho mai capito come se scrive sto posto, lo trovi sempre scritto diverso, ovunque, vabbè insomma lì i prezzi erano più bassi, è una località de mare, come la stessa Chennai del resto visto che stanno sulla costa del Golfo der Bengala, un po’ come che ne so, Civitavecchia e Santa Marinella, Civitavecchia è cara? Allora vado a Santa Marinella, ‘na robba così.


Ringrazio il ragazzetto e gli chiedo dò posso trovà la fermata dell’autobus pè Mahamallipuram, quindi esco dall’ostello e mi dirigo verso il capolinea dell’autobus. P’arivacce faccio i primi passi in mezzo alle strade in India, intanto è passata quasi tutta la prima parte della mattinata, i negozi so aperti, sto in mezzo ar fermento delle strade indiane, co la gente in giro, er traffico, er caos dell’India, passo dopo passo, zaino in spalla, alla ricerca de un posto dove fermamme, è tutto come sempre eccitante, è una delle fasi del viaggio che più me fa sentì vivo, capace de sapemmela cavà, capace de sapè che nun c’è d’avè paura de gnente, che in fodo in fondo de che problema stamo a parlà? de cercà d’arivà in un posto da un’artro posto, che ce pòi arivà tranquillamente co un mezzo, in questo caso l’autobus, che se nun conosci la strada la pòi chiede in giro, e quindi prima o poi c’ariverai; spesso in passato, pensavo che chissà che coraggio ce voleva a fa ‘na cosa der genere, chissà che grandi capacità doveveno servì pè fa ‘na cosa così senza nessun piano, ma poi me so accorto che come in tutte le cose se c’è riuscito quarcuno prima de te, allora pure te lo pòi sapè fa no? Che te manca? Che c’hai de meno de quarcun’artro che come te co du gambe, du bracci, ‘na capoccia, l’ha già fatto? Gnente!! Manca solo l’occasione, tranquillo che lo pòi fa, a ‘na condizione però, che “lo vòi fa”.!!


APPENA SALITO SUL PRIMO AUTOBUS PER ANDARE DA CHENNAI A MAHAMALLIPURAM


IN CERCA DI UNA GUEST HOUSE UNA VOLTA ARRIVATO A MAHAMALLIPURAM


0 visualizzazioni

​© 2020 by Stefano Tomassetti

All images are covered by copyright and may not be downloaded or reproduced in any manner without permission of the author.

Tutte le immagini sono coperte da copyright e non possono essere scaricate o riprodotte in alcun modo senza il permesso dell'autore.

  • Facebook Clean